Iniziativa cofinanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri
Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale

Il Progetto

Il Progetto mira a stimolare al protagonismo attivo delle giovani generazioni che rappresentano la linfa per il rilancio e la competitività dei nostri Comuni. GenerYAction cerca giovani che abbiano voglia di “mettersi in gioco” investendo sulle proprie capacità e attitudini per rilanciare il territorio e le sue eccellenze.

L’obiettivo generale è promuovere l’imprenditorialità locale e la cultura dell’innovazione attraverso un meccanismo incentivante teso a sostenere la nascita di nuove imprese nei territori colpiti dal terremoto e, allo stesso tempo, mettere in rete le amministrazioni promuovendo l’ampia condivisione di servizi, spazi e beni. In quest’ottica si intende stimolare la creazione di un circuito territoriale virtuoso tra giovani, istituzioni e imprese.

Innovazione sociale, prevenzione e contrasto al disagio giovanile: tre linee guida che GenerYAction affronta al meglio con un percorso di sostegno alle attività imprenditoriali innovative e giovanili sviluppate nel territorio dei Comuni del Cratere, offrendo servizi di informazione, occasioni di formazione, opportunità di contatti professionali ed incontri di divulgazione sulla cultura d’impresa.

A chi è rivolto

Giovani dai 16 ai 35 anni

  • Giovani che studiano
  • Giovani che stanno cercando di orientarsi per entrare nel lavoro
  • Giovani orientati all’avvio di un’impresa
  • Famiglie che vogliono sostenere i figli in un percorso educativo

I Servizi

  • InformaGiovani itinerante e virtuale con sede in sei Comuni: Amandola, Monteleone di Fermo, Montegiorgio, Montefortino, Monte Vidon Corrado e Monterinaldo.
  • Sportello “Fare Impresa” (consulenza commerciale e legale)
  • Attività di comunicazione e diffusione delle attività e coinvolgimento con le associazioni giovanili del territorio
  • Laboratori / Seminari in tutti gli altri Comuni del Cratere

Sportelli

Comune Nome Sede Indirizzo Orari Telefono Giorni Apertura
Monte Vidon Corrado Fucina Incontri Via Fucina, 9 10.00-13.00 - Giovedì
Montefortino Ex Farmacia Via Roma, 6-8 10.00-13.00 - Venerdi
Amandola Ufficio Turistico Piazza Risorgimento, 17 10.00-13.00 0736/840731 Sabato
Monte Rinaldo Gruppo Comm.le Protezione Civile Via Borgo Nuovo, 3 10.00-13.00 0734/777252 Martedi
Monteleone di Fermo C.E.A. - Centro Educazione Ambientale Via Chiavanella 10.00-13.00 - Mercoledi
Montegiorgio Centro Aggregazione "La ragnatela" snc Via Dante Mattii 10.00-13.00 - Lunedi

News

Gener(Y)Action – Generazione Young In Action Montefortino – 28 settembre 2018 Il recupero del Santuario della Madonna dell’Ambro – un esempio di ingegneria per il territorio

Ripartire dall’epicentro, dai luoghi più duramente colpiti dal sisma del 2016, che stanno lavorando per tornare alla normalità, e ripartire dal futuro, dalle nuove generazioni e dalla loro formazione. Oltre 100 studenti delle scuole superiori del Fermano hanno preso parte a Montefortino all’incontro , incentrato sul recupero del santuario della Madonna dell’Ambro, organizzato dalla Provincia di Fermo nell’ambito del progetto Gener(Y)Action. Un progetto che mira a rilanciare il territorio e le sue eccellenze, ripartendo dalle nuove generazioni, offrendo loro gli strumenti per mettersi in gioco e investire su se stessi e creando un circuito virtuoso tra giovani, istituzioni e imprese.

Punto principale dell’incontro sono state le lezioni dell’ingegner Diego Damen e dell’architetto Giulia Alessandrini sul progetto di recupero, del santuario dell’Ambro le tecnologie ed i materiali utilizzati, senza tralasciare le problematiche da un punto di vista sismico.

Gener(Y)Action, ha spiegato la Presidente Canigola, sta portando avanti anche altri progetti. La provincia ha infatti aperto diversi punti informativi in 6 Comuni del cratere, oltre agli sportelli Fare Impresa che illustrano ai giovani come attivare nuove iniziative imprenditoriali, infine, sono usciti da pochi giorni i nuovi bandi per la creazione d’impresa, che premieranno e finanzieranno i 5 migliori progetti di start up innovative ideati da under 35 residenti nei 17 Comuni fermani del cratere sismico.

VIDEO


CONCORSO “GENER(Y)ACTION, NUOVE IDEE”

La Provincia di Fermo bandisce il concorso “Gener(Y)action, Nuove Idee” inserito all’interno di “Gener(Y)action Generazione Young in Azione” Progetto di innovazione sociale, prevenzione e contrasto al disagio giovanile nell’ambito dell’avviso “Restart” dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI).

Il concorso consiste in una competizione tra idee imprenditoriali innovative formalizzate in un business pian, che offre a tutti i partecipanti occasioni di formazione, opportunità di contatti professionali ed incontri di divulgazione della cultura d’impresa.

Obiettivo dell’iniziativa è quello di promuovere l’imprenditorialità locale e la cultura dell’innovazione attraverso un meccanismo incentivante teso a sostenere la nascita di nuove imprese innovative nei Comuni della Provincia di Fermo colpiti dagli eventi sismici iniziati nel 2016, attraverso la creazione di un circuito virtuoso tra giovani, istituzioni e imprese.

Il concorso è realizzato grazie al sostegno economico, logistico ed organizzativo dell’ANCI, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale e dai sottoscrittori dell’accordo di partenariato per la partecipazione all’Avviso “Restart” dell’ANCI.


GENER(Y)ACTION E IL RECUPERO DEL SANTUARIO DELLA MADONNA DELL’AMBRO: IL 28 SETTEMBRE PER GLI STUDENTI DEL FERMANO WORKSHOP E VISITA AL CANTIERE

Dopo Falerone, Amandola, Servigliano, Smerillo e Montefalcone Appennino, a fine mese il progetto Gener(Y)Action farà tappa a Montefortino. Al centro dell’attenzione di studenti degli istituti superiori – oltre che di giovani dai 16 ai 35 anni residenti nei 17 Comuni dell’area del cratere compresi nell’iniziativa ideata dalla Provincia di Fermo – ci sarà il recupero del Santuario della Madonna dell’Ambro, finanziato dalla Carifermo ed avviato lo scorso inverno.

“Voglio ringraziare l’Ing. Amedeo Grilli, Presidente della Cassa di Risparmio di Fermo, per averci dato la possibilità di far conoscere a tanti ragazzi le motivazioni che hanno spinto lo stesso istituto di credito a finanziare i lavori di una delle chiese più importanti dell’Italia centrale – commenta la Presidente della Provincia, Dr.sa Moira Canigola -. Il Santuario della Madonna dell’Ambro, infatti, rappresenta la nostra storia sia da un punto di vista spirituale che culturale ed architettonico, ed è diventato, suo malgrado, uno dei simboli di un terremoto che ha lasciato profonde ferite. Ma proprio l’azione della Carifermo, supportata da tecnici di altissimo profilo, ha permesso di dare avvio ad un’operazione strategica per tutto il territorio, soprattutto sul fronte dell’attrattività turistica che questa zona e questo santuario hanno sempre avuto. Inoltre, ed è questo forse l’aspetto centrale all’interno del progetto Gener(Y)Action, il recupero dell’edificio si connota per aspetti tecnici altamente innovativi, che saranno al centro di un workshop e di una visita guidata al cantiere”.

Protagonisti dell’iniziativa, che si svolgerà nella mattinata di venerdì 28 settembre all’Hotel Ristorante Ambro, saranno lo stesso Presidente Grilli (con un intervento sul tema “Ripartire l’epicentro”), l’architetto Giulia Alessandrini (“Il progetto di recupero, dal rilievo all’esecutivo: lavorazioni tecnologie materiali”) e l’ingegnere Diego Damen (“Il progetto strutturale di miglioramento sismico: il caso della Chiesa del Santuario della Madonna dell’Ambro”).

“La Cassa di Risparmio di Fermo ringrazia la Provincia di Fermo e la Presidente Moira Canigola per l’attenzione che ha voluto dedicare alla iniziativa di recupero della chiesa del Santuario dell’Ambro – commenta Amedeo Grilli, Presidente della Cassa di Risparmio di Fermo -. L’intervento è stato pensato per infondere fiducia a tutto il territorio colpito dal sisma. Il nostro obiettivo è dimostrare che si può ripartire in tempi brevi anche attraverso percorsi difficili. Il cantiere è stato impostato con tecnologie di avanguardia ed esemplarmente condotto. Sono tantissimi i visitatori che sono saliti sino a Montefortino in questi 6 mesi di lavori ed avere oggi la presenza anche dei giovani del progetto Gener(Y)Action è motivo di soddisfazione da parte della banca locale che ha finanziato il progetto”.

Fermo, 24.09.2018

La Presidente

Dott.ssa Moira Canigola

 

GYA- Montefortino 28.09.18 – LOCANDINA


OPERATIVI GLI SPORTELLI “FARE IMPRESA” DI AMANDOLA E MONTEGIORGIO

Sono operativi da qualche giorno ad Amandola e a Montegiorgio gli sportelli “Fare Impresa”, ideati e realizzati dalla Provincia di Fermo all’interno del progetto GenerYAction. I giovani dai 18 ai 35 anni dei 17 Comuni dell’area del cratere, potranno usufruire di un’ulteriore servizio che affiancherà le attività degli Informagiovani operativi nelle due città dalla scorsa primavera e di quelli distaccati in altri Comuni del territorio.

“Troppe volte soprattutto i ragazzi che intendono fare impresa e che cercano di intercettare specifici fondi – commenta la Presidente Moira Canigola – non hanno la più pallida idea non tanto di cosa chiedere, ma piuttosto di cosa fare per aprire un’attività. La loro idea risulta generica, mentre è piuttosto scarso il livello di conoscenza delle differenze sostanziali e dei punti di partenza per fare impresa. Per tali motivi, dopo un’attenta analisi dei fabbisogni delle aree colpite dal sisma, abbiamo inserito all’interno del progetto GenerYAction un’attività specifica che, ne siamo convinti, risulterà molto utile per le attività presenti e anche quelle che potranno essere avviate in seguito”.

A gestire i corsi, che si svolgeranno il SABATO ad AMANDOLA ed il LUNEDI’ MONTEGIORGIO (sempre con orario 10-13), sarà Maria Poli, consulente per le imprese.

L’obbiettivo, rimarca la Pioli, non è fare una lezione fine a se stessa ma prendere dei concetti, applicarli ai bandi e tentare di fare impresa. “Dopo un primo screening della platea per la contestualizzare progettualità ed idee, getteremo le basi dando informazioni che poi potranno essere messe in pratica”, conclude Maria Poli.

Lo Sportello Fare Impresa fornisce una consulenza di tipo commerciale e legale. È costituito da una serie di laboratori formativi e nasce per promuovere l’imprenditorialità giovanile, mettendo a disposizione le informazioni e gli strumenti più utili per sviluppare il progetto e per sostenere la nascita di nuove imprese.

Nello specifico, l’iniziativa mira a:
– segnalare le opportunità di finanziamento destinate alle imprese giovanili;
– guidare sulle procedure amministrative necessarie per avviare un’impresa;
– indicare le associazioni di categorie e le altre realtà presenti sul territorio che possono offrire ulteriore consulenza e assistenza tecnica;
– assicurare strumenti di supporto e forme di accompagnamento alle imprese esistenti e alle startup;
– organizzare eventi di matching, scambio di esperienze mirate alla condivisione di buone pratiche;
– organizzare corsi di formazione e alfabetizzazione finanziaria;
– fornire gratuitamente consulenza tecnica sulle diverse misure di agevolazione previste per le aziende, anche in riferimento a bandi europei e ad altri contributi

 


NASCE IL PRIMO SPORTELLO FARE IMPRESA: UN NUOVO SERVIZIO PER I GIOVANI

Come anticipato nei mesi scorsi dalla Presidente della Provincia di Fermo Moira Canigola, prenderà il via sabato 8 settembre l’attività del primo Sportello Fare Impresa inserito all’interno di Gener(Y)Action, il progetto destinato agli under 35 ideato dallo stesso ente provinciale nell’ambito di quello promosso dall’ANCI Nazionale, realizzato in collaborazione con gli Ambiti Sociali e rivolto a 17 Comuni fermani inseriti nell’area del cratere.

Sarà la città di Amandola, a partire dalle ore 10, ad inaugurare un servizio che affiancherà l’attività dello Sportello Informagiovani e che da lunedì 10 vedrà protagonista anche Montegiorgio, altro punto nodale nell’ambito di Gener(Y)Action insieme ai centri di aggregazione giovanile attivati di recente anche a Monte Rinaldo, Monteleone di Fermo, Monte Vidon Corrado e Montefortino.

“Lo Sportello Fare Impresa – spiega la Presidente Canigola – fornisce una consulenza di tipo commerciale e legale. È costituito da una serie di laboratori formativi e nasce per promuovere l’imprenditorialità giovanile, mettendo a disposizione le informazioni e gli strumenti più utili per sviluppare il progetto e per sostenere la nascita di nuove imprese”.

Nello specifico, l’iniziativa mira a:

– segnalare le opportunità di finanziamento destinate alle imprese giovanili;

– guidare sulle procedure amministrative necessarie per avviare un’impresa;

– indicare le associazioni di categorie e le altre realtà presenti sul territorio che possono offrire ulteriore consulenza e assistenza tecnica;

– assicurare strumenti di supporto e forme di accompagnamento alle imprese esistenti e alle startup;

– organizzare eventi di matching, scambio di esperienze mirate alla condivisione di buone pratiche;

– organizzare corsi di formazione e alfabetizzazione finanziaria;

– fornire gratuitamente consulenza tecnica sulle diverse misure di agevolazione previste per le aziende, anche in riferimento a bandi europei e ad altri contributi.

Si tratta di un servizio progettato in forte connessione con lo Young Information Center – conclude la Presidente – e che prevederà anch’esso come canale di diffusione delle informazioni l’applicazione e una sezione della pagina web dedicata per lo Young Information Center. Il servizio dello Sportello inoltre risulta complementare con le politiche promosse a livello regionale in quanto promuove alcune delle misure del PSR e POR Marche facendo conoscere queste opportunità alle attività produttive locali in modo da creare un circolo virtuoso per lo sviluppo economico del territorio maggiormente colpito dal sisma”.

Moira Canigola

Presidente della Provincia di Fermo


VIDEO INCONTRO DALLA SCIA ALLE RISORSE: ECCO COME FAR NASCERE O RIPARTIRE UNA IMPRESA NEL CRATERE

Video dell’incontro tenutosi il 30 Luglio 2018 a Montefalcone presso il Museo Comunale Palazzo Felici su come far nascere o ripartire un’impresa nel cratere


LUNEDI’ 30 A MONTEFALCONE APPENNINO ARRIVANO GLI ESPERTI DELLA REGIONE MARCHE “DALLA SCIA ALLE RISORSE: ECCO COME FAR NASCERE O RIPARTIRE UNA IMPRESA NEL CRATERE” CANIGOLA: “NIENTE SLOGAN E PAROLE, VI PRESENTIAMO I BANDI IN USCITA”

“In mezzo a tante parole e qualche giusta critica, noi vogliamo dare informazioni, accrescere conoscenze e fornire le nozioni necessarie per poter utilizzare gli strumenti attualmente disponibili per il rilancio delle attività nei comuni del cratere”. Parte dalle parole di Moira Canigola, presidente della Provincia di fermo, l’incontro in programma lunedì 30 luglio a Montefalcone Appennino. “è il quarto appuntamento di GenerYaction, il progetto realizzato dalla Provincia insieme all’Anci dedicato agli Under 35 colpiti dal terremoto. Dopo il branding, l’avvio di una start up e la narrazione social è il momento di parlare di risorse e opportunità

L’iniziativa, realizzata in sintonia con la Regione Marche, è finalizzata a far conoscere le ‘Nuove opportunità per le attività produttive nell’area del sisma’. “Per questo – prosegue la Canigola – verranno presentati i bandi della regione Marche che favoriscono l’imprenditorialità”.

Non si parlerà solo di nuove aziende, dell’avvio e della creazione, ma anche di come i fondi a disposizione possano essere utili per permettere un rilancio dell’esistente, magari con una riqualificazione delle strutture o un’innovazione del prodotto

“Uno degli aspetti fondamentali è che verranno presentati anche i bandi che usciranno in autunno sempre mirati ad attività imprenditoriali, turistiche ricettive e agricole” aggiunge. Questo è l’aspetto chiave, visto che all’incontro prenderanno parte i funzionari della Regione che direttamente seguono l’iter: Pietro Talarico, Nadia Luzietti e Luciano Morbidelli. Dopo la presentazione dei bandi e delle opportunità di risorse da parte dei tre funzionari (18.30-19.15) ci sarà un laboratorio dedicato al ‘Come aprire una nuova impresa: dalla Scia all’autorizzazione amministrativa’. Un focus sarà dedicato alla modulistica e alla compilazione dei modelli di domanda. Alle 1945 chiusura affidata a Nicolas Baldinini della Cna Fermo che parlerà dello sportello Sisma. L’incontro è moderato dal giornalista Raffaele Vitali.

“Sono arrivate richieste negli sportelli Informagiovani aperti con questo progetto. Richieste di informazioni perché la gente ha voglia di ripartire. Sia chiaro – ribadisce la presidente – non vi diremo ‘è bello rimanere perché qui avete le radici o per sensibilità’, noi vogliamo e lunedì vi daremo strumenti concreti e funzionali a tutti gli effetti”.

GenerYaction è il progetto dedicato agli Under 35, ma i bandi sono aperti a ogni fascia di età. Per partecipare è consigliabile registrarsi, mandando una mail a gya@provincia.fm.it Informazioni sono reperibili allo 0734232205 o sul sito gya.provincia.fm.it  “Caliamo i ragazzi nella realtà della rinascita, della ricostruzione, per questo speriamo che ci sia partecipazione. Sarebbe sicuramente più facile organizzare gli incontri a Fermo, magari qui in provincia, ma l’obiettivo del progetto è proprio portare le risposte sul campo, dove il sisma ha colpito e dove insieme possiamo cancellarlo” conclude Moira Canigola.

Moira Canigola

Presidente della Provincia di Fermo

In allegato la GYA- Monte Falcone 300718 – LOCANDINA (006) dell’evento.


LA MONTAGNA SI RACCONTA: INSTAGRAM, APP E EVENTI PER UN TURISMO “SOCIAL”

Sono ancora aperte le iscrizioni per il workshop dedicato alla promozione turistica attraverso social network e app, che si terrà martedì 12 giugno a partire dalle ore 16 all’Agriturismo La Conca di Smerillo, in località Ceresola.

L’iniziativa, inserita nell’ambito del progetto Gener(Y)Action che vede capofila la Provincia di Fermo, sarà aperta da un job meeting day nell’azienda alla presenza della presidente Moira Canigola.

Alle ore 16.30 attività formativa con la partecipazione di Simonetta Paradisi, direttrice artistica del festival “Le parole della montagna”, e Stefano Pompozzi, presidente di Marca Fermana, che presenterà la nuova app Smart Marca.

A seguire un laboratorio sulla creazione di contenuti testuali e fotografici per la promozione delle eccellenze dei Sibillini, a cui prenderanno parte il fotografo e instagramer Aivenn ed il blogger e storyteller Luca Tombesi. Modererà l’incontro il giornalista Andrea Braconi.

Al termine aperitivo con prodotti della zona montana.

LOCANDINA


SECONDO STEP PER IL PROGETTO GENER(Y)ACTION, CHE VEDE PROTAGONISTA LA PROVINCIA DI FERMO, GLI AMBITI SOCIALI XIX E XX, INSIEME AI 17 COMUNI DELL’AREA DEL CRATERE

“Dopo le iniziative relative a vari eventi ed incontri con i giovani, l’ultima tenutasi a maggio a Servigliano preceduta da quella di aprile a Falerone – ha ricordato Moira Canigola, Presidente della Provincia – il Progetto Restart entra in una fase di maggiore concretezza attraverso l’attivazione dei Sportelli Informagiovani in diversi Comuni del cratere, per l’esattezza 6. Nei Comuni interessati e cioè Montegiorgio, Monte Rinaldo, Monteleone di Fermo, Monte Vidon Corrado, Montefortino ed Amandola, saranno presenti, secondo un calendario, operatori qualificati a disposizione dei giovani. Questi sportelli sono infatti rivolti ai giovani under 35 e hanno l’intenzione di aiutarli a compiere scelte opportune e consapevoli volte alla predisposizione dei vari progetti che gli stessi giovani intendono attivare. Gli sportelli itineranti costituiscono un servizio che intende comunicare, informare e promuovere il potenziamento di risorse personali e sociali che ogni ragazzo può mettere in campo. È un’azione rilevante all’interno del progetto Gener(Y)Action, gestita con l’apporto determinante degli Ambiti Sociali XIX e XX”.

Collegati agli Sportelli Informagiovani – ha annunciato la Presidente- dopo l’estate partiranno anche gli Sportelli Fare Impresa, che verranno attivati attraverso la presenza di figure professionali specifiche che svolgeranno gratuitamente un’attività di consulenza per aiutare i ragazzi all’inizio di un’attività lavorativa e professionale.

Intanto, sempre con cadenza mensile, proseguono le iniziative nei Comuni. “Martedì 12 giugno ci sarà un incontro a Smerillo all’agriturismo La Conca – ha spiegato la Presidente Canigola – per poi partire con una serie di interventi volti a promuovere il territorio e la bellezza delle aree interne attraverso la fotografia, il social Instagram e le varie attività di comunicazione legate ad eventi culturali. All’interno del programma abbiamo avuto la collaborazione di Marca Fermana con il suo Presidente Stefano Pompozzi, che presenterà la nuova applicazione Smart Marca”.

La Presidente ha inoltre anticipato un’importante collaborazione che si realizzerà quanto prima. “A luglio organizzeremo degli stage a numero chiuso all’interno di RisorgiMarche, che ringraziamo per la disponibilità e la sensibilità. Più avanti comunicheremo i dettagli operativi per far vivere un’esperienza diretta dell’organizzazione di eventi. Alcuni ragazzi, infatti, avranno l’opportunità di vidsionare direttamente l’organizzazione di uno spettacolo e capire le particolari dinamiche sulle quali si fonda l’allestimento di un’iniziativa complessa come è Risorgimarche. Quindi, nel corso dello stage, verrà approfondito non solo l’aspetto culturale ma anche quello di promozione, conoscenza e vicinanza con un territorio che ha subito i maggiori danni dall’esperienza del sisma”.

“Ho mostrato grande piacere per questa iniziativa degli sportelli – ha aggiunto Armando Benedetti, Sindaco di Montegiorgio -. È un’iniziativa importantissima in un momento in cui le nostre terre rischiano di spopolarsi, di perdere il loro futuro, per dare la possibilità ai giovani di affacciarsi su quello che può essere offerto dal mondo del lavoro e conoscere ciò che è utile per avviare un’attività. Mi fa un immenso piacere chiudere il mio mandato con una proposta del genere”.

“È veramente una splendida iniziativa – ha specificato Marco Fabiani, primo cittadino di Monteleone di Fermo – che comprende piccoli Comuni che hanno bisogno di un focus per fare una sintesi sulle possibilità per i giovani di rimanere e di crearsi un futuro. Sarebbe un miracolo far balenare una prospettiva simile a questi ragazzi, perché senza di loro le aree interne muoiono”.

“L’azione di Marca Fermana è vocata alla digitalizzazione dell’accoglienza turistica – ha affermato il Presidente Stefano Pompozzi – e stiamo curando questa app che sarà online a fine mese. L’appuntamento del 12 giugno a Smerillo sarà anche un momento piacevole per iniziare a raccontare quello che è il definitivo prima dell’esecutivo, per utilizzare una terminologia tecnica”.

“Raccolgo la sfida in qualità di ex giovane che ha partecipato a tante iniziative e che è stata coinvolta in tante attività – ha sottolineato Sonia Lattanzi della cooperativa NuovaRicerca – Ricordo con gioia la possibilità di fare esperienze, che sono state formative per la mia vita”.


PRIMO JOB MEETING DAY – “SOCIAL E LAVORO” VISITA PRESSO L’AZIENDA AGRICOLA LE SPIAZZETTE DI AMANDOLA

“La montagna è un’opportunità di crescita e sviluppo”. Lo ha rimarcato Massimo Gravucci, titolare dell’azienda agricola Le Spiazzette di Amandola, in occasione dell’incontro tenutosi con i giovani del progetto Gener(Y)Action. Quello di giovedì è stato un pomeriggio trascorso tra mele rosa e confetture, con le bellezze dei Sibillini a fare da cornice ad un importante momento di confronto. I giovani partecipanti hanno potuto apprezzare una realtà, quella dell’Azienda Le Spiazzette, di grande significato sotto il profilo imprenditoriale sia per il percorso sviluppato negli anni, sia per la capacità di resistere alle conseguenze provocate dalla crisi sismica iniziata nel 2016.

“Circa 20 anni fa è stata lanciata la scommessa di una produzione di mela rosa dei Sibillini, che oggi è diventata una positiva realtà – ha raccontato Gravucci, a cui il sisma ha danneggiato sia l’abitazione che il laboratorio -. Abbiamo circa 600 piante di mele per un ettaro e mezzo, su una superficie totale della nostra azienda di 60 ettari. Nel frattempo, la mela rosa dei Sibillini è diventata un presidio Slow Food ed abbiamo puntato anche sulla trasformazione del prodotto, dalle confetture alle sciroppate. Ci sono voluti tanti sacrifici e tanta passione, ma adesso siamo ad un punto importante. Con il terremoto il fatturato non è calato, anzi, forse l’evento disastroso è servito a farci conoscere meglio. Ma qui resta il problema della distribuzione e delle infrastrutture, perché la montagna, se opportunamente valorizzata, può diventare un’opportunità”.
Fondamentale, nel tempo, è stato l’investimento sulla comunicazione, a partire dal sito web e dai social network. “Lavorando abbiamo capito che il fai da te e l’aiuto degli amici costano poco, ma i risultati arrivano quando le cose si realizzano con professionalità – ha aggiunto Gravucci, che nella sua attività quotidiana è affiancato dalla moglie e dalle figlie -. Noi ci siamo avvalsi di esperti del settore e utilizzando gli strumenti messi a disposizione dalla comunicazione informatica si sono intensificate le richieste di acquisto di prodotti, raggiungendo acquirenti da realtà lontane”.
“Servono mezzi, economie e soprattutto intelligenze per partire il prima possibile con la ricostruzione – ha affermato il Sindaco di Amandola Adolfo Marinangeli, presente all’incontro anche nella funzione di consigliere provinciale -. Stiamo lavorando per ritornare a come eravamo prima del terremoto, anzi, meglio di prima, considerate le difficoltà che comunque eravamo costretti ad affrontare come area montana. Dobbiamo essere più bravi e far sì che questa disgrazia si trasformi in opportunità. Ci vuole tanto coraggio e tanta capacità imprenditoriale. E la migliore risposta deve essere data dai giovani, che devono mettersi in gioco”.
“Questo terremoto ci ha devastato – ha ricordato Giuseppe Paciotti, presidente Cna direttivo zonale di Amandola – e chiediamo quindi alla Regione di venire messi nelle condizioni di poter ricominciare. Occorre alleggerire le pratiche burocratiche, avviare i lavori e far ripartire le aziende danneggiate”.
“Quando si portano i giovani ad avvicinarsi alla zona montana è sempre una buona iniziativa – ha rimarcato Nicolas Baldini, responsabile zona montana Cna di Fermo – Anch’io da qualche mese come referente della Cna sto cercando di capire il più possibile cosa significa essere artigiano qui. Oggi però, a differenza di ieri, abbiamo molto più mezzi e un network importante, a cui dobbiamo connetterci e fare un gradino, come stanno facendo Massimo ed altri imprenditori, che sfruttano le loro capacità ma anche la potenza di internet per affacciarsi al mondo. E la chiave di tutto questo è, appunto, la formazione, l’arricchimento del nostro bagaglio personale e professionale”.


Offerte

Offerte di lavoro

Consulta le offerte

I Partner

ATS XIX Comune di Fermo
ATS XX Comune di Porto Sant’Elpidio
ATS XXIV Comunità Montana dei Sibillini
Comune di Amandola
Comune di Belmonte Piceno
Comune di Falerone
Comune di Massa Fermana
Comune di Monsampietro Morico
Comune di Montappone
Comune di Monte Rinaldo
Comune di Monte Vidon Corrado
Comune di Montefalcone Appennino
Comune di Montefortino
Comune di Montegiorgio
Comune di Monteleone di Fermo
Comune di Montelparo
Comune di Ortezzano
Comune di Santa Vittoria in Matenano
Comune di Servigliano
Comune di Smerillo
Università Politecnica delle Marche di Ancona
Associazione Giovanile – Cacuam

Contatti

Provincia di Fermo

Progetto Gener(Y)Action

Indirizzo/Address: Viale Trento, 113 – 63900 Fermo

Telefone/Phone: +39.0734/232.205

Fax: +39.0734/232.218

e-mail: gya@provincia.fm.it

PEC istituzionale: provincia.fermo@emarche.it